Le notizie di BIUMOR

ADDIO GIULIO GIORELLO, AMICO DI BIUMOR
Data pubblicazione : 21/06/2020

Ci ha lasciati Giulio Giorello, un grande amico della Biennale internazionale dell’Umorismo nell’Arte. È stato più volte ospite a Biumor, portando a Tolentino interessanti spunti di riflessione. 

 

Foto testo

Nei giorni scorsi ci ha lasciati Giulio Giorello, un grande amico della Biennale internazionale dell’Umorismo nell’Arte. È stato più volte ospite a Biumor,  a Tolentino, con interessanti spunti di riflessione. 

 

Davvero significato il suo intervento nelle Giornate della Rancia nel 2013, dove con Ilaria Cozzaglio ha portato il pubblico nel mondo Disney, con “La filosofia di Topolino”. Giorello è riuscito ad incantare, centrando la difficile impresa di tracciare un nesso tra la speculazione filosofica e il topo più famoso del mondo. All’appuntamento era presente anche Luca Boschi, nome tra i più importanti dell’universo dei fumetti, che ha recentemente scritto su il Sole 24 un toccante commiato. Ricordando gli appuntamenti condivisi a Popsophia.

 

“In altri siti, ufficiali, si leggerà che, raffinato filosofo della scienza, si occupava anche di neuroscienze, paleontologia, psicologia evolutiva, fisica delle particelle, mitologia, ricerca filosofica e bioetica - ha detto Boschi -. Ma per noi della comunità del Fumetto era soprattutto un complice nelle lettura e un amico”.

 

Giorello era infatti un grande appassionato di caricature, fumetti e produzioni grafiche. 

 

Memorabile la sua lectio magistralis sulla filosofia di Dylan Dog, frutto di un’intervista con la direttrice artistica di Popsophia Lucrezia Ercoli.

 

“Chi guarda le immagini impara, si diletta, e capisce. Ragiona - aveva detto Giorello -. L’immagine aiuta molto a pensare, ma aiuta soprattutto quando è posta in una sequenza temporale. il fumetto ha anche questa dinamica, un quadretto dopo l’altro. Allora, i concetti prendono vita nella figura, nelle immagini e negli interpreti delle storie”. 

 
indietro

comunetolentino

MIBAC

rss facebook pinterest
youtube twitter flickr

 

La Biennale Internazionale dell'Umorismo nell'Arte celebra la 30a edizione.
Per il 2019 ha scelto di interrogarsi su un argomento forte, una parola d'ordine politicamente dirompente e culturalmente dominante: "l'odio."

 

 


Cookie Policy