Le notizie di BIUMOR

ARRIVEDERCI, Paolo
Data pubblicazione : 04/07/2017

La quinta edizione di Biumor, il festival dedicato alla Filosofia dell'Umorismo che si svolgerà al Castello della Rancia di Tolentino dal 25 al 27 agosto 2017, sarà dedicata a Paolo Villaggio.

Foto testo

ARRIVEDERCI, PAOLO

 

La quinta edizione del festival dell’umorismo di tolentino dedicata al padre di Fracchia e Fantozzi

Il 3 luglio 2017 muore Paolo Villaggio. L’icona dell’antieroe televisivo italiano, presenza indiscussa del cinema nazional popolare viene a mancare insieme con il ritratto di un senza talento incrollabile. La quinta edizione di Biumor, il festival dedicato alla Filosofia dell'Umorismo che si svolgerà al Castello della Rancia di Tolentino dal 25 al 27 agosto 2017, sarà dedicata a Paolo Villaggio. Un omaggio che Popsophia e Biennale dell’Umorismo in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Tolentino vogliono tributare alla perdita di un artista geniale che ha unito tante generazioni.

“Se n’è andato il creatore delle maschere comiche più tragiche del Novecento italiano, eredi della grande tradizione della commedia dell’arte – ha dichiarato la direttrice artistica di Popsophia Lucrezia Ercoli – Dal timido Giandomenico Fracchia al sottomesso ragionier Ugo Fantozzi, Villaggio è stato lo specchio iperrealista del nostro paese. Il Festival di Tolentino sarà l’occasione per riscoprire la forza dei suoi personaggi e la genialità delle sue invenzioni.”
Un filosofo utopista, figlio del secondo dopoguerra e dell’esplosione della società di massa “non potevamo che omaggiarlo in occasione di un evento principe del territorio tolentinate che da anni si occupa di declinare l’umorismo nelle forme che prende il contemporaneo” - aggiunge l’Assessore alla cultura di Tolentino Alessia Pupo - “per non dimenticare un artista che ha influenzato e cambiato in modo indelebile la cultura italiana, in modi che spesso abbiamo sottovalutato”.

indietro

comunetolentino

MIBAC

rss facebook pinterest
youtube twitter flickr

 

Il 2017 chiama a sé l’arte umoristica nazionale e internazionale nella 29° edizione del concorso della Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte per confrontarsi su un tema declamato e attuale.

La Biennale nel 2017 ha scelto di interrogarsi su una parola d’ordine politicamente dirompente e culturalmente egemone: Onestà! Onestà!

 

 


Cookie Policy